Molte persone pensano ancora che bisogna mangiare la carne per essere ben nutriti ed avere energia , ma ciò non è esatto e le proteine vegetali rappresentano l’alternativa ideale.proteine-vegetali

Se vogliamo eliminare la carne o ridurne il consumo occorre sapere quali sono le altre proteine che è consigliabile assumere.  Innanzitutto abbiamo i legumi: ceci, fagioli, lenticchie, piselli, con cui si preparano piatti tradizionali in ogni regione d’Italia  come lo zimino di ceci, la pasta e fagioli ecc., ben noti per essere dei piatti nutrienti, deliziosi e completi. I legumi sono ricchi di proteine, a volte in quantità maggiore rispetto a quelle animali, come nel caso della soia. Non contendendo però alcuni aminoacidi essenziali è fondamentale associare il consumo di legumi a quello dei cereali integrali. Per esempio, la cisteina è un aminoacido poco presente nei legumi ma abbondante nei cereali, che scarseggiano però di lisina. Quest’ultima è contenuta nei legumi quindi l’abbinamento dei due cibi fornisce al nostro organismo una proteina completa. Alcuni studi non legano la complementazione proteica attraverso i vari alimenti con il loro consumo durante lo stesso pasto. Quindi potremmo mangiare, per esempio, un piatto di riso integrale a pranzo e uno di lenticchie a cena per assicurarci l’assunzione giornaliera di proteine complete. Per quanto riguarda la preparazione dei legumi è bene metterli a bagno per tutta la notte e cuocerli in pentola a pressione con un pezzo di alga kombu che aiuta sia la cottura che la digestione.  Un trucco per liberare più proteine dai legumi è quello di frullarli. Le vellutate di lenticchie o di ceci sono ottime, specialmente se associate a del riso integrale o a della pasta di farro. Abbiamo poi i fagioli di soia coltivati fin dai tempi remoti in Cina in tutte le varietà: rossa, nera, gialla e verde. Con il loro altissimo contenuto in proteine ci permettono di avere una quantità di piatti altamente nutrienti. La soia gialla è quella che contiene più proteine e grassi e dalla quale si ricava il latte di soia, il tofu, il tempeh, specialità della cucina orientale che ormai vengono preparate anche in Italia. Sono prodotti molto buoni che vale la pena conoscere per sostituirli o alternarli alle proteine animali, e contribuire così a limitare danni alla nostra salute e a quella dell’ambiente. Ricordiamo comunque che la soia è ricca di estrogeni quindi conviene non abusarne; il tempeh (soia fermentata) ne contiene molto meno.. Un altro prodotto proteico di origine vegetale, molto gustoso, ricavato dalla farina di grano tenero (quindi sconsigliato a chi soffre di allergia o intolleranza al glutine) è il seitan. Si tratta di un alimento altamente nutritivo assolutamente privo di colesterolo. Nel seitan troviamo aminoacidi essenziali  (non tutti), sali minerali ed il calcio dell’alga kombu, oltre alla lisina dovuta alla cottura con la salsa di soia. Il nostro consiglio è comunque di non esagerare con il consumo di seitan, si tratta di un concentrato di glutine e l’eccesso di questa proteina potrebbe creare problemi. Se invece non vogliamo rinunciare ai cibi di origine animali  il pesce rappresenta la migliore alternativa: è più leggero della carne e contiene grassi insaturi , utili nella prevenzione di malattie cardiovascolari, gli Omega3.